English Italiano Contacts

  I pizzini di Masescu - I 5....

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by MASESCU on Friday, June 8, 2007 at 06:12 AM

I 5.7 ,5,8 e 5.9 squeeze chimneys sono i tiri e le difficoltà più simpatiche e democratiche di Yosemite, almeno per il sottoscritto che invece, quando va in falesia, soprattutto se è di calcaree subisce sempre umiliazioni dai pivelli nati quando già arrampicava da 20 anni. Questi si muovono con disinvoltura su difficoltà sempre più elevate, mostrando pance appiattite da diete a zona e muscoli tirati a lucido nelle sale cittadine da arrampicata.

Per loro non esiste più l’inizio stagione, la prima uscita dove si sbanfa su difficoltà che si facevano tranquillamente a fine stagione. Sono sempre tonici e in forma, con lo sguardo o altezzoso o propenso alla commiserazione.

Però, a volte, capita di avere ancora alcune carte da giocare e con le quali ricambiare i ben noti risolini.

Ovviamente la sfida non la si può fare sulle grandi difficoltà, ma su quelle basse.

Lascio al vecchio volpone di Jacopo le provocazioni sulle placche, dove magari tira platealmente uno spit con un suo rinvio anni 80 lungo almeno trenta centimetri, per poi non assicurarsi e salire con l’appoggio di una mano sola il resto della liscia colata granitica.


Da ragazzo non capivo niente dell’arrampicata in placca , mentre me la cavavo in fessure e camini, passando per un discreto fessuriano e bravo caminicolo.

Questi tipi di arrampicata sono ormai andati in desuetudine, non sono nemmeno contemplati sui libri tecnici dell’arrampicata moderna. Come fare infatti a spiegare la tecnica del Chiappa e spalla, dello schiena- ginocchia o schiena- piede, per arrivare a quella estrema dello strisciare alla verme creando il sottovuoto tra la parete e la pancia con la didattica del triangolo?

Così le nuove generazioni hanno imparato ad arrampicare sul duro e disimparato ad andare sul facile.

Se si aggiunge il fatto che i camini non hanno spit e che bisogna pedalare per metri e metri senza protezione, la competizione può iniziare.

Sulla Regular NW dell’Half Dome c’è una splendida sezione di un centinaio di metri di arrampicata in camino, dove i vecchi sgami di stare il più esterni possibile o di appoggiare la schiena sulla faccia più adagiata dello stesso ha una resa eccezionale e mi ha permesso di piegare la bocca in un sorrisetto di soddisfazione nel vedere cordate di giovani arrancare in pose estreme e pericolose da tiratori di prese.

 

Masescu



CORRELATED ARTICLES

» TICO: The working class hero TICO: The working class hero
October 29, 2015  -  Comments 1
» I pizzini di Masescu - Zodiac I pizzini di Masescu - Zodiac
October 12, 2007  -  Comments 6
» I pizzini di Masescu - Haulbag I pizzini di Masescu - Haulbag
September 28, 2007  -  Comments 1
» I pizzini di Masescu - Sardegna I pizzini di Masescu - Sardegna
September 14, 2007  -  Comments 0
» I pizzini di Masescu - Bivacchi I pizzini di Masescu - Bivacchi
August 31, 2007  -  Comments 0

PUBBLICITA'


READERS' COMMENTS

Insert your comment
1 Posted by Filippo on Friday, June 8, 2007 at 12:02 PM
 
Grande Masescu, sono un giovincello ma ti capisco (e forse questo è molto grave per me)


2 Posted by cabbalussa on Sunday, June 10, 2007 at 07:05 PM
 
spero VIVISSIMAMENTE che i giovanotti nati dai pannelli di plastica leggano questo pizzino e che torni loro in mente quando si troveranno (se capiterà...) su una placca o in un camino o lungo una fessura facile facile dando per scontata la presenza di amico spit e doversi invece rendere conto con orrore che di spit (ma neanche di chiodi) non ce n'è mezzo!
3 Posted by climberina on Tuesday, June 12, 2007 at 08:22 PM
 
Come è vero tutto ciò!! Arrampico in falesia, faccio la dura e poi mi vado ad incastrare penosamente nel CUNICOLO ACUTO mellico....ne esco priva di ogni dignità strisciando chiappamente come un verme!!!
A tutti gli autentici sassisti: RESPECT!!
4 Posted by spazzo on Tuesday, June 12, 2007 at 09:35 PM
 
A tutti gli autentici sassisti: siete dei vermi!
5 Posted by Tom on Saturnday, June 23, 2007 at 10:53 PM
 
ho tra le mani l'ultima guida di arrampicata del Masino Bregaglia di Andrea Gaddi...
Leggo con stupore che il tiro della "grotta" della notissima via Taldo Nusdeo, al Picco Luigi Amedeo è valutato ottavo meno.
Si sa, che i gradi sono come la pelle dei coglioni, si allargano e si stringono in base alla sensibilita soggettiva dell'autore...
ma in questo è un'evidente svista, la grotta si supera all'interno di un facilissimo camino di quarto grado e non artigliandosi ad un illogico sperone strapiombante al suo fianco.
Insomma non sempre i camini sono degli orribili buchi neri che vanno evitati ad ogni costo.

6 Posted by Matteo on Sunday, July 1, 2007 at 02:48 PM
 
Grande Tom, faro diventare questa tua frase la mia massima di vita Arrampicatoria:
"Si sa, che i gradi sono come la pelle dei coglioni, si allargano e si stringono in base alla sensibilita soggettiva dell'autore..."...

Semplicemente fantastica

Matteo
7 Posted by Tom on Tuesday, July 3, 2007 at 07:09 PM
 
Grazie Matteo, ma non è proprio una novità.
A proposito di Camini, quali sono i più stupefacenti della Valle?
Così a braccio mi vengono subito in mente il corto ma frequentatissimo di Kundalini e il lungo e tortuoso del Cunicolo Acuto e dell'Albero delle Pere: un pelo più impegnativi quelli di polimagò, di Oceano Irrazionale e della poco ripetuta Bodenshaff e per finire quello terrificante di Sette Aprile sul Pappagallo.
e a voi?

COMMENT THIS ARTICLE

Name (required):

Url (optional):

Confirmation code (required):
Please, write in the box on the right what appears on the black box on the left
 

Your comment:


 

SUPPORT VALDIMELLO.IT



SEARCH





RSS SYNDICATION

RSS


 
Exception "Thread was being aborted."