English Italiano Contacts

LA COPERTINA

Saro Costa

Jacopo Ruffo a piedi nudi sul traverso di Polimagò

Jacopo Ruffo a piedi nudi sul traverso di Polimagò
Per arrampicare sono indicate scarpe strette, strettissime ad alta aderenza con suole vibram o c4 stealth, e l'imbrago dev'essere ascellare e bisogna avere tanti friend per assicurarsi... Poi sono arrivati quelli che sanno arrampicare, che interpretano le placche come musica su cui danzare



PUBBLICITA'


  Val di Mello: eppur qualcosa si muove…

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Friday, March 25, 2011 at 12:11 PM


A seguito della frana del 28 luglio del 2009 (vedi articolo) che ha visto precipitare il pilastro della via Paolo Fabbri 43 della Parete del Qualido che ha demolito il sentiero e creato un invaso naturale da subito apprezzato da tutti, sono iniziati i lavori di ripristino.
Dal progetto dell’Ing. Jobizzi, oltre al rifacimento del sentiero con un rialzo di circa un metro rispetto al tracciato originale, è previsto un consolidamento della diga naturale realizzato con i massi del posto al fine di stabilizzare il nuovo laghetto.
Il punto interessato dai lavori si può ben definire “il biglietto da visita dalla Val di Mello”, è quindi ovvio pretendere che i lavori in oggetto siano realizzati prestando la massima attenzione all’aspetto estetico, o più semplicemente, salvaguardando la “naturalità” di quel magnifico punto di vista.
Da parte nostra come da anni garantiamo, documenteremo di passo in passo lo stato dei lavori.
Sperem ben…


 Comments [19]


  I protagonisti della Valle - Mario Giacherio

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, March 18, 2011 at 04:07 AM


Anni 70 di ritorno dalla Nord...
foto: Archivio Mario Giacherio
La scheda - Mario Giacherio

Milanese, è uno dei primi “foresti” a far parte dagli anni ’90 dei Ragni di Lecco. Dopo la ripetizione delle classiche delle Alpi, inizia la sua maturità alpinistica condizionato dai nuovi apritori francesi, e ben presto si dedica all’assidua collezione di tutto quello che viene aperto su roccia buona e protezione moderna. Per quasi 20 anni scala assiduamente nei paradisi alpini della Svizzera e del Monte Bianco, condividendo la sua enciclopedica conoscenza di pareti e vie con una variopinta schiera di soci e amici. Arrampica ovunque, è tra i primi a frequentare la roccia di Finale negli anni ’70 e a cercare l’ultima “couenne” chiodata in quel di Ceuse nel nuovo millennio. Su Thunder
Road, lato nord del Remenno, ha lasciato la pelle della sua ultima via difficile. Prima per la neonata Alp, poi per Punto Rosso e ormai da 10 anni per Meridiani Montagne cerca di raccontare agli altri un pò di quello che ha visto e vissuto guardandosi attorno.

Alcune delle sue salite in valle: Poesia di una squaw dalla riserva, Mani di Fata, Sabor Latino, L’infinito, Si sta come d’autunno, Sul bordo dell’Arco di Stella, Ultime grida dalla falesia.

Read more...  Comments [3]


  I Protagonisti della Valle - Graziano Milani

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, March 4, 2011 at 05:17 AM


Aderenza in Val di Mello nel 1985
foto: Archivio Graziano Milani
La scheda - Graziano Milani

Inizia a frequentare la montagna nel 1976. Successivamente conosce Antonio Boscacci che, oltre allo scialpinismo, lo introduce nel mondo dell’arrampicata. Nel 1978 ha l’opportunità e la fortuna di vivere una stagione intensa partecipando fra l’altro, all’apertura di alcune vie in Val di Mello: “la crepa del bamba”, “La Signora del tempo”, “ Luna Nascente”.
Arrampica anche con altri amici fra i quali : Giuliano Amonini, Bruno Fanoni, Lilia Paini, Fernando Gianatti e più recentemente con Augusto Rossi e Cesare Folla con il quale nel 2008, ha aperto la via “Arko Magico” sul versante Sud del “Liss del Pesgunfi”.

Read more...  Comments [1]


  I protagonisti della Valle - Paolo Vitali e Sonja Brambati

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, February 18, 2011 at 02:59 AM


Paolo su Abbidubbi
Foto: Archivio Paolo Vitali

Sonja su Self Control
Foto: Archivio Paolo Vitali

La scheda - Paolo Vitali e Sonja Brambati
con la collaborazione di Pietro Corti

Paolo&Sonja è quasi un marchio...
Da quando si sono incontrati se ne parla solo alla terza persona plurare, senza fare distinzioni tra l'uno e l'altra. Magari per il Paolo si può spendere qualche parola in più sul suo passato alpinistico, ma poche altre cose li differenziano. Per esempio la data di nascita: Paolo 1964 e Sonja... non si dice; Paolo Lecco e Sonja Como (però in fondo il lago è lo stesso). E poi, Paolo ha la barba, mentre Sonja no.
Il Paolo alpinista-arrampicatore inizia a 15 anni; a 18 sale il diedro Philip-Flamm alla Civetta e la Cassin alla nord delle Jorasses (ma non da secondo!), mentre a 19, con Casimiro Ferrari e Carlo Aldè, porta a termine la prima ascensione del Cerro Murallon in Patagonia. Poi, in giro per il mondo, è un susseguirsi di salite su roccia (Salathè a El Capitan; Via del compressore al Cerro Torre), ascensioni sci alpinistiche e tour in mountain bike. Dal 1985 in avanti tutto è condiviso con Sonja Brambati in una continua ricerca del "nuovo", che trovano, parlando di roccia, soprattutto sulle pareti nel gruppo del Masino-Bregaglia ed in particolare al Pizzo Badile, nella magica Val di Mello e sulla big wall del Qualido.
La cordata Sonia e Paolo, è tra le prime a introdurre l’uso sistematico dello spit nell’apertura di nuovi itinerari.
Grazie a questo nuovo strumento, si riaprono nuovi giochi: pareti reputate impossibili o troppo rischiose tornano ora ad essere fattibili, itinerari che prima erano solo immaginabili ora si possono tentare.
“Lo spit uccide l’impossibile” è vero, ma inseriti dal basso rappresentano una traccia indelebile dell’intuito e della bravura del primo salitore.
Non solo, chiodare a spit a mano è noioso, impone una progressione lenta, ed è tutt’ altro che facile.
Paolo e Sonia aprono in Val di Mello una vera campagna esplorativa, realizzando nuovi itinerari considerati tuttora tra i più spettacolari della zona.
Per intuito e logicità Vedova nera, alla Stella Marina; per qualità della roccia, davvero superlativa Aquas Calientes all’Escudo; per lunghezza e complessità, sulla parete del Qualido, le difficilissime Transqualidiana e Galattica. Ma l’elenco è tutt’altro che finito, Mani di fata, Libelà, Il muro del silenzio, Artemisia, Sexapelo, La bissia, Raviolanda…solo per citare alcune delle vie più ripetuti.
Ora (2010-2011) sono in Francia; poi si vedrà.

Read more...  Comments [1]


  I Protagonisti della Valle - La prima era...

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, February 4, 2011 at 02:02 AM


Al centro, Lidia, in ginocchio sul letto nuziale, si sta preparando
per andare ad arrampicare, di profilo, Paolo Masa.
Foto: Jacopo Merizzi
Abbiamo lasciato Ivan nella profonda spaccatura del Sarcofago nel 1975.
Ivan è in affitto in una baita a Cà dei Rogni ai piedi della cascata del Ferro, è poco più di un bilocale ma diventa il punto di ritrovo di un vivacissimo gruppo di forti climber: Patrizius Gossemberg, Mario Villa, Vittorio Neri, Monica Mazzucchi, Guido Merizzi, Alessandro Gogna. Passerà da Ivan anche una ragazza di Milano, Lidia Sacchiero e anche lei rimarrà fulminata dalla bellezza del luogo.

Read more...  Comments [1]


  I Protagonisti della Valle - Piera Panatti

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, January 28, 2011 at 01:14 AM


Poco più che adolescente Piera arriva in Val di Mello.
Foto: Jacopo Merizzi


Piera alla prese con una difficile fessura.
Foto: Jacopo Merizzi
Piera Panatti – L’angelo

Piera arriva poco più che adolescente in Val di Mello, regno di roccia ma anche popolata da serpenti e lupi affamati: in pochissimo tempo, determina scompiglio e grandi passioni.
Portatissima all’arrampicata, compagna di Jacopo, sarà la prima ragazza a ripetere Oceano Irrazionale, Polimagò e a tracciare sul Precipizio degli Asteroidi la bellissima e difficile Via Amplesso Complesso.
Felicemente sposata vive a Milano con i suoi quattro figli.


Read more...  Comments [6]


  I Protagonisti della Valle - Paolo Masa

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, January 21, 2011 at 02:50 AM


1976 - I primi passi in Val di Mello
travestito da alpinista.
Foto: Jacopo Merizzi

La scheda - Paolo Masa – Pilly - L'Infame Masescu.

Il volto e la penna dei Sassisti.
Conosciuto da tutti per i suoi formidabili racconti, per il suo profilo americano alla Ray Jardine, per il suo impressionante curriculum professionale di Guida Alpina tra cui 6 vie sul Capitan ( alcune delle quali salite in terza età e in evidente stato di gravidanza), in Val di Mello è stato il protagonista di poche ma straordinarie prime salite.
Ironico, beffardo, piccolo e cattivissimo,anticlericale di stampo ottocentesco, cultore della violenza psicologica, vanta tra i suoi ispiratori morali l'imperatore Nerone. Spesso si è esibito in pesanti azioni di mobbing nei confronti dei praticanti l'alpinismo autoreferenziale. Anche a detta della sua ilare compagna Giovanna, non sempre frequentarlo è un piacere.
Di natali Malenchi si trasferisce presto sui graniti della Val Masino dove si esprime al meglio nelle fessure.
Di carattere forte, intransigente , non molla mai e quando attacca una via raramente torna indietro.
Coautore con Jacopo Merizzi della mitica ed introvabile guida “Val di Mello 9000 metri sopra i prati” ed. Stefanoni

Poche vie ma tutte di pregio: Sette Aprile, Amplesso Complesso, Via Paolo Fabbri 43, Il Paradiso può Attendere, Polimagò, Patabang, Sadomasa, Micetta Bagnata, Durango.

Read more...  Comments [10]


  I Protagonisti della Valle - Jacopo Merizzi

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, January 14, 2011 at 02:03 AM


Amaca Cassin, tanica d’acqua, fettucce: quasi il Capitan.
Jacopo sedicenne al secondo bivacco sulla grande parete sul Pesgunfi 1976.
Archivio Jacopo Merizzi
La scheda - Jacopo Merizzi – Pissimo, il provocatore, il Duca

Fastidiosamente intuitivo, con la leggerezza della farfalla scivola da una parete alle braccia di una fanciulla, spregiudicato dal sorriso sornione e gran maestro dei fornelli.
Si dice di lui che è un finto incosciente, che il suo procedere in aderenza è così naturale da sembrare una danza….
E’ stato l’ideatore di 4 edizioni della festa della “Minoranza arrampicatrice” sulla cima del Precipizio degli Asteroidi, epica cena a base di pesce e vino di pregio
Capo branco nella battaglia contro speculazioni d’ogni sorta, è stato il più fervente sostenitore della lotta che ha portato al riconoscimento della Val di Mello come Riserva Naturale .
Per colpa delle sue malversazioni, nel gennaio del 2010 Belzebù, suo antico sodale, per poco non lo trascina anticipatamente con se agli Inferi per condividere con lui le sue peccaminose concubine, facendolo cadere da una banale cascata di ghiaccio.
Portata miracolosamente a casa la pellaccia, benché pesantemente ammaccato, Pissimo non è cambiato per un cazzo, predisposto come sempre alla battuta fulminante ed inappellabile e allo sberleffo.
Unico neo: attualmente si sta dedicando allo sci-alpinismo
Coautore con Paolo Masa della mitica guida “Val di Mello 9000 metri sopra i prati ed. Egeria 1985.
Le sue salite. Le corna non Fan Peso, Amplesso Complesso, Bodenshaff, Via Paolo Fabbri43, il Paradiso può Attendere, Nuova Dimensione, Le Risposte di Bakunin, il Dolce richiamo dell’aldilà, Oracoli d’Ulisse, Polimagò, l’Albero delle Pere, la Serpe Ripresa, Via per l’Inferno, Patabang, Sadomasa, Micetta Bagnata.

Read more...  Comments [4]


  I protagonisti della Valle - Giovanni Pirana

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, January 7, 2011 at 03:27 AM


Sulla grande parete sopra Cataeggio in Val Masino
sulla via del Signor K
prima ascensione con Francesco Boffini e Jacopo Merizzi 1977
foto: Jacopo Merizzi
La scheda - Giovanni Pirana - Il Pira – il Classico

Conosce la Valle prestissimo ma a differenza degli altri Sassisti è più attratto verso l’alpinismo classico e alle solitarie. Quindi frequenterà la Valle solo di rado...
La sua salita più nota in Val di Mello è Micetta Bagnata ma è autore di molte prime ripetizioni e di alcune salite di pregio in solitaria in età giovanissima 16-17 anni, Taldo Nusdeo al Picco Luigi Amedeo, Via del Fratello al Badile,
un tentativo al Picco Darwin terminato a pochi metri dalla cima.

Read more...  Comments [1]


  I Protagonisti della Valle - Antonio Boscacci

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, December 24, 2010 at 05:34 AM


Bosca all'uscita di Micetta Bagnata dopo la prima ripetizione
foto: Jacopo Merizzi
Antonio Boscacci - Fra boscacci - Il Bosca - Sondrio 1949

Gravemente astemio, lettore appassionato di letteratura cinquecentesca, grande calcolatore (laurea in Matematica) e aderenzista supremo.
Leggendari sono: la sua straordinaria capacità di aderire sulla roccia, l'auto-controllo, l'intuito e la rapida esecuzione di lunghezze di corda che hanno fatto la storia della Val di Mello
Fu scopritore delle scarpe da tennis From sport con la suola liscia in poliuretano espanso: l’anello di transizione tra lo scarpone e la pedula risuolata in aerlite.
Fecondo apritore di vie super-ingaggiose ha scritto due guide sulla Valle: Val di Mello ed.Tamari 1980 e Mello ed. Albatros 1990
Una selezione delle sue vie:
Sette Aprile, Nada por nada, Il Paradiso può attendere, Nuova dimensione, l’Albero delle pere, Oracoli d’ulisse, Luna nascente, Flauto magico, Okosa, Quadri di una esposizione…

Read more...  Comments [15]


 

SUPPORT VALDIMELLO.IT



SEARCH






RSS SYNDICATION

RSS


 
Exception "Thread was being aborted."