English Italiano Contacts

LA COPERTINA

Saro Costa

Jacopo Ruffo a piedi nudi sul traverso di Polimag˛

Jacopo Ruffo a piedi nudi sul traverso di Polimagò
Per arrampicare sono indicate scarpe strette, strettissime ad alta aderenza con suole vibram o c4 stealth, e l'imbrago dev'essere ascellare e bisogna avere tanti friend per assicurarsi... Poi sono arrivati quelli che sanno arrampicare, che interpretano le placche come musica su cui danzare



PUBBLICITA'


  A volte ritornano...

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Tuesday, January 29, 2013 at 07:51 PM

Piu' infestante di un herpes, piu' fastidiosa di un'emorroide....
Il Buddha tragicamente scomparso dalla cima del Badile e' ritornato...
Grazie ad un equipe di investigatori e artisti, il Buddha e' tornatato ad irradiare la sua formidabile energia.

ICONOCLASTI! promo vimeo from Lab 80 film on Vimeo.


 Comments [2]


  Il ritorno dell'Orso

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Monday, June 18, 2012 at 12:28 PM




E’ Tornato!

Colpevole di aver azzannato polli e qualche pecora, braccato con tanto di taglia, sterminato e dichiarato estinto da metà dell’ottocento, l’Orso Bruno delle Alpi, dopo quasi 200 anni di assenza, è timidamente tornato in Val Masino
Saremo sufficientemente sensibili per non ucciderlo ?
Read more...  Comments [5]


  Ciao Bosca

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Thursday, May 31, 2012 at 10:00 AM

Antonio Boscacci

Il grande Bosca ci ha lasciato; un uomo di formidabile intuito e genialita', uno scalatore fuori classe e un generoso amico.
Il suo spirito ci accompagnera' per sempre sulle pareti della Valle dove ha saputo tracciare itinerari di epica audacia e rara bellezza.
Addio Bosca, ora il paradiso non ti attende piu'.

L'ultima intervista rilasciata dal Bosca a fine 2010 per valdimello.it

 Comments [7]


  Quo CLIMBis?

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Tuesday, May 15, 2012 at 08:50 AM


Reinhold Messner durante il convegno

Tra le splendide mura del Castel Firmiano del Messner Mountain Museum Domenica 6 maggio si è tenuto il convegno organizzato dal Messner Mountain Museum, TrentoFilmfestival e International Mountain Summit:
Quo CLIMBis?” - Preservare la montagna, in quanto ultimo spazio d’avventura, o continuare a sfruttarla sempre di più a fini sportivi e turistici?

Read more...  Comments [3]


  Ancora Melloblocco...

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Wednesday, May 2, 2012 at 01:20 PM


La coda sotto i blocchi al Melloblocco

Pronto alla partenza, per il nono anno consecutivo, il raduno internazionale di sassisti “Melloblocco”. Un evento bello per tutti, in cui tutti vincono, tutti gioiscono, tutti godono;
Read more...  Comments [3]


  Le pagelle - Seconda parte

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Tuesday, April 3, 2012 at 09:59 AM

 

Quali sono le vie più spettacolari della Valle?
Quali i criteri che fanno ritenere una via più affascinante di un’altra?
4, 5, 6 oppure 6a, 6b, 6c... si è discusso fin troppo di difficoltà, di quanto sia più o meno duro un singolo passaggio ma esprimere un semplice ma fondamentale giudizio estetico, ha prodotto sempre un fremito d’angoscia, forse perché si è troppo attenti a non offendere l’incauto apritore o forse semplicemente perché è un giudizio troppo soggettivo; c’è sempre chi preferisce acciuffarsi ad una rigogliosa zolla d’erba che ad un cristallo o chi trova più consono una scala di spit ad una naturale e sorprendente fessura nella roccia…
Su questa traccia “ eticamente corretta”, sono uscite le recenti asettiche pubblicazioni della Val di Mello dove ogni giudizio estetico è stato soppresso.
Se il buon amico Tico era l’inventore della scala di difficoltà binaria: o l’è bel (si passa) e l’è brut (non si passa) a me viene in mente la sintetica valutazione estetica da sempre in uso tra i Sassisti: è una gran figata, è una emerita cagata.

Read more...  Comments [3]


  Le Pagelle

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Friday, February 3, 2012 at 09:58 AM

 

Quali sono le vie più spettacolari della Valle?
Quali i criteri che fanno ritenere una via più affascinante di un’altra?
4, 5, 6 oppure 6a, 6b, 6c... si è discusso fin troppo di difficoltà, di quanto sia più o meno duro un singolo passaggio ma esprimere un semplice ma fondamentale giudizio estetico, ha prodotto sempre un fremito d’angoscia, forse perché si è troppo attenti a non offendere l’incauto apritore o forse semplicemente perché è un giudizio troppo soggettivo; c’è sempre chi preferisce acciuffarsi ad una rigogliosa zolla d’erba che ad un cristallo o chi trova più consono una scala di spit ad una naturale e sorprendente fessura nella roccia…
Su questa traccia “ eticamente corretta”, sono uscite le recenti asettiche pubblicazioni della Val di Mello dove ogni giudizio estetico è stato soppresso.
Se il buon amico Tico era l’inventore della scala di difficoltà binaria: o l’è bel (si passa) e l’è brut (non si passa) a me viene in mente la sintetica valutazione estetica da sempre in uso tra i Sassisti: è una gran figata, è una emerita cagata.

Read more...  Comments [6]


  Ritrovati i resti del Buddha sul Badile

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Wednesday, October 5, 2011 at 01:25 PM


 

Per lungo tempo mi sono arrovellato, su quale triste sorte avesse atteso quel simpatico Buddha in fragile porcellana, che nel 2005 avevamo condotto in vetta al Badile.
Giunto miracolosamente intatto, aveva sopportato con eroico coraggio, seminudo e scalzo, due inverni di ghiaccio e vento, resistendo impassibile ai pirotecnici temporali d’alta quota.
Col suo ampio e pacifico sorriso accoglieva in cima tutte le cordate, complice la rapidità con cui la notizia della sua magica apparizione si era subito sparsa per il globo: che ci fa un Buddha sulle Alpi?

Read more...  Comments [12]


  Ciao Walter

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Sunday, September 18, 2011 at 05:55 PM

ciao
Walter Bonatti, Jacopo Merizzi, Carlo Micheli
Val del Drogo 10.11.08
foto Andrea Micheli

Nevicava ancora in Val del Drogo.
Dalla finestra della baita più isolata che io conosca, i fiocchi scendevano vorticosi, alla fine di un autunno già anticipato ad inverno.
Avevo sentito una voce inconfondibile, calda, armonica e decisa e poi la sua chioma bianca sbuca tra i fiocchi di neve: ma che ci fai qui Walter?
Ma, avevo voglia di camminare: sono poi quattro passi prima di sera …mi ha risposto col suo sorriso da eterno ragazzo entrando in casa.
Walter era arrivato così, all’improvviso, un paio di blu jeans e una semplice maglietta a maniche corte, nera.
Fa un freddo cane, ma non è il leggero abbigliamento a sorprendermi bensì la tonicità dei suoi bicipidi d’atleta.
Walter hai quasi ottant’anni!
Perché? mi risponde sorpreso.
Read more...  Comments [4]


  I Protagonisti della Valle - Marco vago

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Wednesday, August 3, 2011 at 03:23 PM


La Signora del tampax






La scheda - Marco Vago
Nato nel 1971 a Cantù, residente da sempre a Cermenate (CO) inizio a frequentare la montagna fin da piccolo con il gruppo escursionistico del C.A.I. Cermenate. A 14 anni apprendo i primi rudimenti di alpinismo con Giuseppe Peverelli con il quale salgo i miei primi 4000 delle Alpi. A 17 anni, l’allora presidente del C.A.I. Cermenate, Antonio Radice,  mi prende sotto la sua ala protettrice e mi inizia all’arte dell’arrampicata. Contemporanexamente conosco Simone con il quale nei week-end frequento le falesie della Brianza (Scarenna e Sasso D’Erba).
Dopo un anno di pausa forzata dovuta al servizio di leva riprendo a scalare e nel ‘93 entro come aiuto istruttore al corso roccia del C.A.I. Como dove conosco Stefano Pizzagalli. Da questo incontro scaturisce in breve tempo la nascita della TRIBU’, la chiodatura del Sasso Pelo e la frequentazione della Val di Mello.
Dopo la mia prima esperienza di apertura (Magic Line al Qualido ) nascono “Scarpette Chicco” al pilastro dello Scingino (1996) e “Ad un passo dalla Luna” allo Specchio di Archimede (1997).
Dal ’97 in poi la mia frequentazione della valle diventa molto meno assidua. L’esperienza della tribù volge al termine e nel ’99 entro a far parte dei Ragni di Lecco.
Grazie a ciò ho l’opportunità di partecipare ad alcune spedizioni leggere in Pakistan, Algeria, Patagonia, Marocco, Mali e Giordania.
Continuo tutt’oggi ad arrampicare sempre con la stessa passione dei primi anni, anche se le energie ed il tempo a mia disposizione non sono più quelli di una volta. Restano comunque le esperienze vissute, gli amici di sempre e molti sogni nel cassetto … chissà che riesca a realizzarne ancora qualcuno magari in compagnia di Marisa, la mia attuale compagna e futura moglie.

Read more...  Comments [0]


 

SUPPORT VALDIMELLO.IT



SEARCH





RSS SYNDICATION

RSS


 
Exception "Thread was being aborted."