English Italiano Contacts

  Il Ragazzo Sudovest - Ivan Guerini

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by JACOPO on Thursday, July 14, 2011 at 03:33 PM

Riceviamo e pubblichiamo con piacere, il contributo di Ivan Guerini sui Protagonisti della Valle

Il Ragazzo Sudovest
- Ivan Guerini

Ci sono persone che sciamano a formare la maggioranza, altre che a questa si mettono in mostra e da essa sono osannate (per incapacità di distinguere tra apparenza e valore) e infine altriche, ai loro occhi, paiono scostanti e arroccati in se stessi, proprio perché preferiscono non essere persone ma individui.

Di Paolo Cucchi sapevo poco, perché quand’ero in Val di Mello era un ragazzino assiepato con la sua tendina negli angoli meno frequentati e con qualche amico faceva le sue prime salite, ancor prima di sognarle.

A parlarmene per primo fu Giuseppe “Popi” Miotti, alpinista ricercatore della storia retica: il suo occhio vede tutto mi disse e con ciò intendeva evidenziare le capacità interpretativa della roccia che va oltre il VII°, rispetto a quelle della nostra generazione.

Lo incontrai la prima volta casualmente un giorno d’estate nei primi anni ’90 in cima al Remenno, mentre stava “buttando giù” dalla normale due fanciulle, tant’è che in quel mentre pensai: che razza di ignorante brutale! perché le maltratta? Di lì a poco, parlando con la meno affannata delle due, mi accorsi che erano invasate dalla bravura di colui che le guidava, una cosa che quel ragazzo disinvolto e geneticamente infastidito dalle banalità esistenziali, certamente non sopportava.

Scese a piedi scalzi e a balzelli da una via che facevo anch’io in passato, con la baldanza che hanno i grandi danzatori. Indossava braghe corte, era privo di materiale ed aveva un fisico asciutto, quando mi riconobbe per rompere il ghiaccio si confidò dicendo: Una volta per eccesso di disinvoltura ho fatto tutto il Sasso a rotoloni e sono finito in ospedale… così pensai: Ecco perché le ha calate in quel modo, per risvegliare in loro la sensazione di una caduta!

Non mi arresi al fatto che aveva il carattere di un educatore scanzonato e così lo maltrattai, come faccio sovente per verificare l’intelligenza di chi non conosco, nonostante ciò, la prese sul ridere al punto da apparire supponente, ci salutammo con qualche altro scambio di vedute e me ne andai sui massi antistanti ad arrampicare con Andrea. Lo vidi che ci scrutava a distanza, certamente dispiaciuto che non avessimo arrampicato assieme.

Nel pomeriggio di quel giorno, lo ritrovai sull’altro lato del Masino, che corricchiava assieme al suo ironico compagno Daniele Pigoni, quando il sole era girato e l’ombra trasforma le valli a sud e a nord in sudovest. Ci restituì le chiavi dell’automobile fuoriuscite da una tasca bucata di Andrea, che aveva trovato mentre correva: Gli dissi per ringraziarlo: Ma se avevi detto che non ti allenavi? mi rispose: I.G, lo sai che sei veramente un rompicoglioni! e se ne andò trotterellando anatemi scherzosi. Così dobbiamo proprio a quella sua risposta il titolo che ispira l’apertura delle interviste di questo sito. 

Un incontro casuale non è un fatto scontato, come una calda e salda parete sud o fredda e friabile nord, ma è un fatto prezioso e illuminato di rado proprio come una parete sudovest.

Paolo Cucchi è un individuo eclettico e dannato, perché arso dal fuoco della passione di salita che, solo a livelli alti d’intensità scaglia dall’Empireo agli Inferi nell’ambito d’un percorso qualsiasi,è un talento che esprime sia savio che ebbro di apici raggiunti, quelli che alla maggioranza inerte non è dato percepire, convinta del fatto che infondo “proviamo tutti le stesse cose” e di sicuro ad essa non risulta empatico perché lo dovrebbe ricambiare con doni che non dipendono dalla capacità di superare difficoltà, ma soprattutto dalla capacità di esprimersi.

Così un giorno, baciato nell’intuito dal “dio effimero” della delicatezza, scoprì un itinerario che sfiora la Frana di Sasso Bisòlo, trovando su quell’austera lavagna osservata da ripidissime abetaie, un itinerario chiamato “Catto-alcolisti”, che si rivelò la “Luna nascente su placca” che avrebbe potuto essere l’emblema estetico di Boscacci.

 

Pensai: Perché ha dato quel nome a un così bell’ itinerario? mi sembrava un epitaffio alla labilità del Gigante e, come se mi avesse letto nel pensiero, disse: Se tu avessi conosciuto mio padre ti saresti accorto che i Catto-fascisti sono peggio dei Catto-comunisti ed io pensai che quelle due “maschere sociali” dagli analoghi interessi, avevano in comune soprattutto l’eccidio degli Agnelli a pasqua.

Nel firmamento della Storia Retica è stato la “stella” del decennio ’90, ma se dovessi paragonarlo ad altri perdisincanto e contrariata maestria, dovrei indicare l’eclettica misantropia di Terrence Malick per la cinematografia (Solo Games), il furore compositivo di Edgar Varése (per quelle solitarie alpine realizzate a vista), l’improvvisazione fulminea di Michail Baryšnikov (per le difficoltà elevate superate slegato sulle brevi pareti del fondovalle) e volendo per fisionomia del volto e dannazione crepuscolareanche a Sid Vicious [John Simon Ritchie, meglio noto come Sid Vicious (Londra, 10 maggio 1957 - New York, 2 febbraio 1979), bassista e cantante britannico, membro della band punk rock dei Sex Pistols].

Un Sid che ha rotto con lattine di birra vuote lo specchio di Dorian Grey, un gesto che forse avrebbe potuto liberare Oscar Wilde dai demoni che hanno ucciso Michel Basquiat.

Non è questione di elogi o paragoni spropositati, ci si deve arrendere al fatto che pezzetti d’individui significativi, nel tempo s’identificano o incarnano soprattutto in chi ha qualcosa in comune.

Certo in quel decennio c’è stato anche G.L Maspes “Rampichino”, il ragazzone omogeneizzato della “Sondrio da Bere”, un personaggio simpatico che in montagna ha fatto certamente salite carine, ma più simile ai Divi che agli Artisti dannati.

All’inizio di questo millennio, incontrai Paolo casualmente per la seconda volta con Monica, era un po’ assonnato davanti alla sua piccola baita al sole del mattino, e così ci fermammo a parlare. Da un aneddoto a un racconto scoprii che era un individuo singolare e se eravamo lì in quel momento, ciò era reso possibile dal fatto che i miei maltrattamenti di un tempo erano stati arsi dal fuoco dei suoi stati d’animo intellettivi. Quando ad un tratto si avvicinò una valligiana anziana che conosceva a menadito il nome delle pareti, più che ammirato rimasi stranito al cospetto d’un epoca nuova, in cui i valligiani citavano le pareti coi nomi dati dagli arrampicatori.

Non parlò mai di difficoltà, né delle sue salite, ma mi indicò uno spalto alberato altissimo che aveva arrampicato da solo e senza materiale, incuriosito dalla possibilità di percorrere leespostissime cenge dalle interruzioni sicuramente estreme che lo travagliavano. Ed io pensai, per chissà quale analogia, che forse impiegava più tempo ad osservare le evoluzioni dei Camosci in Arcanzo che a salire da solo alte e difficili pareti.

Dopo il 2000, mi telefonò un giorno per chiedermi di arrampicare con la sua ragazza in una notte di luna piena, non per romanticismo ma per realizzare la ripresa carica di “sospensione magnetica” di un filmato a cui teneva particolarmente e viceversa non avrebbe potuto terminare.

Se è vero che in modo meno “culturale” mi era già accaduto di fare una cosa simile sulle Corna di Medale assieme a poco “romantici” amici brianzoli, gli dissi comunque di no perché, reduce dalle riprese del film R.A.I sulla valle, ero tremendamente demotivato da una idiosincrasia nei confronti dei registi in generale, che si era praticamente avviluppata al mio temperamento sostanzialmente inobbediente.

Ci sono arrampicatori capaci… di stare alla ribalta, che sanno “far passare” come severe nord o difficili sud anche le salite meno impegnative, ed altri che, nel “silenzio del mondo”, esprimono in modo solare le salite delle pareti più controverse ed evitate perché rispetto alla ribalta sono volte a sudovest, in controluce.

Paolo è un ragazzo sudovest, simile alle pareti permeate da penombra, ma con il suo modo di salire crea “prove estreme” di “luce espressiva”.

 


CORRELATED ARTICLES

I Protagonisti della Valle - Saro Costa I Protagonisti della Valle - Saro Costa
November 13, 2015  -  Comments 22
TICO: The working class hero TICO: The working class hero
October 29, 2015  -  Comments 1
Ciao Bosca Ciao Bosca
May 31, 2012  -  Comments 7
I Protagonisti della Valle - Marco vago I Protagonisti della Valle - Marco vago
August 3, 2011  -  Comments 0
I Protagonisti della Valle - Paolo Cucchi I Protagonisti della Valle - Paolo Cucchi
May 27, 2011  -  Comments 13

PUBBLICITA'


READERS' COMMENTS

Insert your comment
1 Posted by PIETRO on Sunday, July 17, 2011 at 10:04 AM
 
ma giocoforza c'Ŕ da chiedere a Guerini: chi erano i ragazzi del nord, nordest?
...sud, sudOvest, il sole del tramonto: di una generazione?
2 Posted by antonio on Tuesday, July 19, 2011 at 03:36 PM
 
l'alpinismo estremo, quello vero, Ŕ spesso sinonimo di un malessere interiore: quello solare, il gioco-arrampicata per citare Guerini ha mai prodotto grandi ascensioni?
Io credo di si, forse non nell'alpinismo locale, triste e conservatore figlio di un CAI burocratico

3 Posted by andrea on Friday, July 22, 2011 at 09:14 AM
 
i brani di Guerini, hanno la forza e il limite, di essere fermi nel tempo

4 Posted by Dall'alto on Saturnday, July 30, 2011 at 08:40 AM
 
I sentimenti non si possono fermare nel tempo.
5 Posted by gicu on Thursday, August 11, 2011 at 08:05 PM
 
Tra cattofascisti e cattocomunisti megli cattodemocristiani come il papÓ di paolo

COMMENT THIS ARTICLE

Name (required):

Url (optional):

Confirmation code (required):
Please, write in the box on the right what appears on the black box on the left
 

Your comment:


 

SUPPORT VALDIMELLO.IT



SEARCH





RSS SYNDICATION

RSS


 
Exception "Thread was being aborted."