English Italiano Contacts

  I Protagonisti della Valle - Piera Panatti

Sorry, the current article is not yet available in english

Posted by ARRT on Friday, January 28, 2011 at 01:14 AM


Poco più che adolescente Piera arriva in Val di Mello.
Foto: Jacopo Merizzi


Piera alla prese con una difficile fessura.
Foto: Jacopo Merizzi
Piera Panatti – L’angelo

Piera arriva poco più che adolescente in Val di Mello, regno di roccia ma anche popolata da serpenti e lupi affamati: in pochissimo tempo, determina scompiglio e grandi passioni.
Portatissima all’arrampicata, compagna di Jacopo, sarà la prima ragazza a ripetere Oceano Irrazionale, Polimagò e a tracciare sul Precipizio degli Asteroidi la bellissima e difficile Via Amplesso Complesso.
Felicemente sposata vive a Milano con i suoi quattro figli.


L'intervista - Piera Panatti

Dal 1 al 15 senza rispettare nessun ordine. La mia è una storia un po’ particolare.

Piera ultima, sul difficile
traverso all’ultimo tiro di
Amplesso Complesso.
Foto: Jacopo Merizzi
Una storia d’amore e di passione sia per la montagna che per un uomo.
Mi è difficile separare le due cose. Ho fatto e sono riuscita a fare solo con l’unione di questi due elementi.
Ho iniziato più di trent’anni fa, con un corso tradizionale di alpinismo a Lecco con il gruppo Gamma.
Io vivevo tra le montagne della Grigna e la voglia di scoprirle arrivò verso i quindici anni.
Era un ambiente molto stimolante, che ai miei occhi appariva come oasi di libertà.
In quegli anni c’era un grande fermento, e una filosofia nuova di andare e vivere la montagna.
Non avevo miti a cui ispirarmi.
In Val di Mello sono arrivata per caso ma è stato un vero colpo di fulmine.
Ho amato e scoperto le pareti, la natura e i suoi colori. Le baite e tutti i personaggi che allora le abitavano.
Mi sono trovata dentro un nuovo modo di vivere e pensare l’alpinismo…la mia vita in quel momento, aveva legami e radici profonde in quel mondo.
Ho condiviso salite senza mai pensare a nessuna affermazione di disciplina sportiva. Non mi interessavano e non le ho mai vissute prima ne dopo.

Seduta sulla Porta del Cielo al terzo tiro di Polimagò, Piera sorseggia una birra. Le mani screpolate dalla roccia e l’imbracatura “completa” modello Cassin.
Foto: Jacopo Merizzi
In Val di Mello sono arrivata per caso e poi tornata per amore.
Ho conosciuto e ho scoperto dalle pareti, ai boschi, alla pozza, alle baite, tutto mi entusiasmava. Il primo libro “Il gioco arrampicata della Val di Mello” di Ivan Guerini mi aveva emozionato.
Il suo nuovo modo di raccontare con filosofia la montagna e le ascensioni mi regalò nuovi pensieri e forti emozioni.
Jacopo e Paolo con cui ho vissuto tante storie sia di montagna che di vita, con la loro ironia e dissacrazione mi hanno regalato momenti unici.
Ho tanti ricordi di persone speciali da cui ho ascoltato racconti inverosimili o storie impossibili…ma ricordo che offrii un tabù al famoso alpinista torinese Gianpiero Motti e lui mi disse: non offrire mai tabù a nessuno… questo mi colpì ed è una frase che mi ritorna alla mente …non ho consigli per i nuovi alpinisti è un mondo che non conosco più.
Le ascensioni che più ho amato: Oceano Irrazionale e Luna Nascente hanno preso e lasciato nel mio cuore uno spazio e un’emozione speciale.


Fine novembre, ultime arrampicate in Valle prima della Neve.
Fiuto, Olivo Tico e Piera Panatti alla terzultima sosta del Risveglio di Kundalini.
Foto: Jacopo Merizzi
Il bosco terminale di Luna Nascente mi ha regalato sogni e colori indimenticabili.
Nuova Dimensione era una danza sul granito, dovevi essere così leggero che avevi la sensazione di volare.
Ho pochi elementi per fare previsioni sul futuro della Valle, ma credo che lo spirito che aleggia è e sarà sentito dagli alpinisti futuri.
Chi arriva in Val di Mello non può non conoscere il contesto della sua storia dai Melat al Gatto Rosso da Ivan a Jacopo che con i loro libri hanno raccontato i loro pensieri, differenti ma per un unico amore.
Non rimpiango nulla. Sono stata in Val di Mello e l’ho vissuta per cinque anni con la curiosità e la voglia di vivere ogni volta una storia diversa da sola o in compagnia.
Sono felice di aver vissuto quel momento storico.
La paura l’ho allontanata con l’incoscienza, l’amore, e mandando avanti gli altri con un sorriso. ….
Domani sarà una giornata con la mia famiglia, ma è stato bello ripensare e rivivere emozioni e situazioni lontane nel tempo.
Il mio ritorno in Val di Mello pochi mesi fa con Jacopo mi aveva fatto rivivere gioie e dolori congelate nel cuore… grazie.


Piera Panatti, Olivo Tico, Paolo Masa sulla cengia del Precipizio dopo l’apertura di Amplesso Complesso 1981.
Foto: Jacopo Merizzi


CORRELATED ARTICLES

» I Protagonisti della Valle - Saro Costa I Protagonisti della Valle - Saro Costa
November 13, 2015  -  Comments 22
» TICO: The working class hero TICO: The working class hero
October 29, 2015  -  Comments 1
» Ciao Bosca Ciao Bosca
May 31, 2012  -  Comments 7
» I Protagonisti della Valle - Marco vago I Protagonisti della Valle - Marco vago
August 3, 2011  -  Comments 0
»   Il Ragazzo Sudovest - Ivan Guerini
July 14, 2011  -  Comments 5

PUBBLICITA'


READERS' COMMENTS

Insert your comment
1 Posted by onderod on Sunday, January 30, 2011 at 09:12 PM
 
Complimenti, bellissima testimonianza!!
2 Posted by amarcord on Monday, January 31, 2011 at 01:34 PM
 
Felicemente sposata con gioie e dolori congelati nel cuore.

Altre testimonianze femminili?
3 Posted by Antonio on Monday, January 31, 2011 at 08:36 PM
 
dolcissima Piera, chissa che stragi hai fatto in quel mondo di vecchie serpi e lupi affamati...

amarcord...acidia da zittellite acuta?

4 Posted by amarcord on Tuesday, February 1, 2011 at 09:07 AM
 
Antonio, non ti sei accorto che ho ripetuto le parole usate nel testo?
Di mio c'è solo la domanda.
5 Posted by Esse on Monday, February 7, 2011 at 09:24 PM
 
bellissime queste interviste, complimenti!
6 Posted by pietro on Friday, May 6, 2011 at 07:46 AM
 
Forse la via più straordinaria che ho fatto in Val di Mello è l'incredibile Amplesso Complesso...peccato che sia trattata come una via secondaria dalle ultime vie della Valle; mi nasce un dubbio: ma gli autori l'hanno mai salita?
O hanno scritto delle relazioni guardando solo dal basso?


COMMENT THIS ARTICLE

Name (required):

Url (optional):

Confirmation code (required):
Please, write in the box on the right what appears on the black box on the left
 

Your comment:


 

SUPPORT VALDIMELLO.IT



SEARCH





RSS SYNDICATION

RSS


 
Exception "Thread was being aborted."